Reddito di cittadinanza: invia il bando per diventare navigator

Reddito di cittadinanza: invia il bando per diventare navigator

Come sappiamo ieri è iniziata la corsa per presentare la domanda per poter beneficiare del reddito di cittadinanza. Questa nuova iniziativa del governo, che dovrebbe essere un modo per combattere la povertà e per rilanciare l’economia italiana, sta provocando tanti dibattiti e perplessità.

Ma al di là di come andrà, e lo vedremo nel corso del tempo, questo nuovo provvedimento creerà dei posti di lavoro e delle figure professionali diverse.

Una di queste si chiama navigator. Ma cosa significa navigator? Il navigator è un tutor, che affiancherà la persona che beneficierà del reddito e che dovrà ricollocarsi nel mondo del lavoro.

Il governo infatti, per assicurarsi che ciascun beneficiario dell’aiuto economico voluto dal Movimento 5 Stelle si impegni a frequentare corsi di formazione e riceva valide offerte di lavoro, ha deciso di mettergli accanto una persona che lo aiuterà indicandogli la via da seguire.


La notizia di oggi è che l’Agenzia che si occupa del reclutamento degli assistenti dei beneficiari del reddito di cittadinanza, infatti, ha pubblicato il bando per “l’affidamento del servizio di predisposizione test, organizzazione, gestione e realizzazione della prova scritta per la selezione pubblica per il conferimento di incarichi di collaborazione a supporto dell’organizzazione e dell’avvio del Reddito di cittadinanza”

Si prevede che le persone che si candideranno tramite la piattaforma Net4Market saranno circa 60 mila.

Il bando che è stato aperto ieri, 6 marzo, e si chiuderà alle ore 12 del 14 marzo. Altre cose da segnalare:la prova di selezione si dovrà svolgere in tre o più giornate (per un massimo di sei) e in più sessioni giornaliere, a Roma.


L’importo della gara è di 180mila euro al netto di Iva e il servizio verrà affidato per una durata massima di 12 mesi. Nei prossimi articoli spiegheremo ai nostri lettori come funzionerà nello specifico la prova scritta e i requisiti che si dovranno avere.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •