Il cambiamento, attenzione alla "resistenza"

Il cambiamento, attenzione alla "resistenza"

Perché quando si inizia a cambiare la propria vita, le proprie abitudini si è portati a “tornare indietro“, cosa ci spinge a desistere, a rendere vani i nostri sforzi?

Quando parlo di resistenza, intendo quella forza che tende a far ritornare tutto come prima.

Secondo il Dottor Elton Kazanxhi psicologo, con una notevole esperienza nel campo e con alle spalle la recente pubblicazione del suo libro :”EYE MOVEMENT INTEGRATION THERAPY“, il problema della resistenza è insito nell’essere umano. Questo atteggiamento è dovuto al fatto che ognuno di noi, applica degli schemi, che sono legati al passato, ad esperienze vissute. Questo è un sistema di difesa, che però ha come riferimento esperienze passate, non paragonabili al presente. Sono quindi delle trappole, che possono risultare fatali e che possono rendere vani gli sforzi verso il cambiamento.

Bisogna operare un RESET” ci suggerisce il dottor Kazanxhi, avviare un percorso che evidenzi gli aspetti positivi che tenda a ridimensionare le fobie dovute alle esperienze passate.

Non bisogna però cadere nell’errore che esista una strada da prendere come esempio. Ognuno ha le sue esperienze, che sono legate alla memoria dell’individuo. Occorrerà quindi creare dei “percorsi” totalmente personali e creare poi delle azioni che dovranno portare a rimuovere i blocchi.

Il Dottor Elton Kazanxhi e il suo libro

Nel libro il Dottor Kazanxhi spiega come con la terapia EMI è possibile rimuovere questi blocchi ed avviare una reale predisposizione al cambiamento.

Comunque un consiglio, chiunque voglia arrivare al cambiamento ed avviare un percorso verso il successo personale deve elaborare una timeline del passato, in cui inserire tutti gli insuccessi e le esperienze, poi una timeline futura, in cui saranno elencati gli elementi positivi che arriveranno grazie al nuovo modo di vedere le cose.

In poche parole evidenziare sempre gli aspetti positivi delle nuove esperienze che dovranno superare quelle negative e le fobie ad esse collegate.

  • 11
  •  
  •  
  •  
  •  

Send a Comment